13-12-2019

La nuova normativa e il corso regionale di formazione professionale per ASO

Il decreto di recepimento dell’Accordo della Conferenza Stato – Regioni: linee guida

In linea generale, fino a pochi anni fa, per diventare assistente alla poltrona era sufficiente aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado oppure di indirizzo professionale.

Adesso con le nuove norme,è obbligatorio essere in possesso dell’Attestato conseguito a seguito della frequenza di uno specifico corso di formazionefatto presso una scuola autorizzata.

Entriamo più nel dettaglio per capire in che modo si è delineata e qualificata la nuova figura professionale di Assistente di Studio Odontoiatrico, che va a sostituire quella precedente in base alla Conferenza 209/2017:

  • il 9 gennaio del 2001, il Protocollo d’intesa siglato presso il Ministero del lavoro e della Previdenza Sociale tra l’ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) e le Organizzazioni Sindacali, ha posto le basi per il ri-conoscimento della "Figura Professionale dell’Assistente di Studio Odontoiatrico" (ASO);
  • il 30 marzo del 2017, il suo inserimento all’interno del CCNL per i dipendenti degli Studi Odontoiatrici e Medico Dentistici, sottoscritto da AIO (Associazione Italiana Odontoiatri), ne ha regolato la posizione contrattuale;
  • il 23 novembre del 2017, la Conferenza Permanente tra Stato, Regioni e Province autonome ha sancitol’accordo nazionale sul percorso formativo:oggi, quindi, per esercitare il ruolo di ASO è necessario essere in possesso di unAttestato conseguitoa seguito della frequenza di uno specifico corso di formazione di competenza regionale;
  • l’8 maggio del 2018, nella regione Lazio lo standard professionale, formativo e di attestazione finale dell’ASO è stato inserito nel Repertorio Regionale dei Profili normativi nella sezione "Formazione Regolamentata" con Deliberazione Giunta n.216 (il percorso formativo prevede 700 ore divise in due moduli: il Modulo Base di Teoria, 300 ore, erogato in aula e il Modulo Professionalizzante -tirocinio formativo-, 400 ore, da svolgere presso studi o ambulatori odontoiatrici, per darci la possibilità di sperimentare operativamente, sotto la supervisione di personale esperto, le tecniche e i protocolli appresi).
Quindi, per quanto riguarda il Lazio, le prime scuole accreditate dalla Regione (fra cui Igea Media- Consorzio Platone), hanno iniziato la loro attività dal 24 luglio 2018 e per quanto ci riguarda, ad oggi abbiamo già avviato 5 diversi corsi e due altri sono in partenza a gennaio e febbraio 2020.

Corso regionale di formazione professionale ASO: a chi è rivolto?

  1. tutte le persone che desiderano diventare ASO e non hanno mai svolto quest’attività precedentemente;
  2. tutti gli Assistenti di studio odontoiatrico che al 31/12/2018 non hanno svolto almeno 36 mesi di attività come ASO, ufficialmente documentata (significa inquadrati presso l’Ufficio del Lavoro come ASO).

Invece, per gli ASO che, sempre al 31/12/2018 hanno svolto i 36 mesi di attività con la giusta qualifica, non è necessaria alcuna formazione se non l’obbligo di aggiornamento di dieci ore l’anno (a partire dal 2019).

Maggiori informazioni sul prossimo corso per ASO a Roma in partenza >

Un caro saluto dall’ASO Vale!